Botteghelle, PUA 43.1 del Prg del Comune di Napoli

Apri la galleria fotografica

EP_2-(1)

Scheda del Progetto

Committente: Fingestim S.r.l.

Luogo: Napoli, via Botteghelle

Superficie interessata: ca. 25 Ha

Anno: 2012

Status: in corso

Team: Progetto Verde con UAP Studio S.r.l.

L’area oggetto di intervento è un lotto in passato occupato dai Magazzini di Approvvigionamento Ferroviario delle Ferrovie dello Stato, con una superficie di circa 25 ha, a giacitura prevalentemente pianeggiante, e inserito come PUA nella variante al Piano regolatore generale di Napoli.

L’aspetto di maggior interesse che emerge dalle analisi ecologiche condotte sull’area, è rappresentato senza dubbio dagli impetuosi processi di ricolonizzazione spontanea del sito, a seguito dello stato di abbandono che ha caratterizzato gli ultimi 20 anni.

L’ipotesi alla base del lavoro di analisi è quella di valutare l’effettiva capacità dell’area di rigenerarsi, tendendo ad una copertura vegetale più evoluta, in linea con quella potenziale dettata dall’ubicazione, e dal clima del sito.

Queste considerazioni ci hanno spinto a vedere la variante come momento positivo per realizzare un progetto ad alta sostenibilità dove l’elemento naturale rimanga, laddove possibile, intoccato e che diventi in futuro elemento di congiungimento dei brani naturali posti al di fuori del sito (corridoi ecologici).

L’obiettivo che ci siamo posti è quindi teso verso il risparmio delle risorse attraverso un uso corretto dei fattori suolo, acqua e vegetazione; in quest’ottica và letta la ricerca tesa a lasciare ampie zone verdi al loro stato naturale, e l’attenta gestione delle  acque.

Il progetto si è concretizzato nella sovrapposizione di tre livelli di lettura del paesaggio oggetto di studio:

  • Matrice Naturale Primaria, ovvero l’individuazione delle aree “naturali” da salvaguardare.
  • Matrice Ordinata. Il “verde urbano”, o, con un termine anglosassone “urban forestry”, a mettere in risalto come le aree verdi possano proporsi come oasi di ruralità entro gli ambiti urbani, con una sottolineatura della “wilderness” delle aree verdi inserite in un “arido” edificato.
  • Matrice Tecnologica, componenti e sistemi vegetali volti alla gestione delle acque meteoriche e alla fitodepurazione delle stesse per uso irriguo, utile ad aumentare il potenziale biotico a sostegno della continuità ecologica, e a promuovere i principi del risparmio energetico.

L’integrazione dei sistemi sopra esposti ha condotto al disegno complessivo dell’area. Il sistema così concepito risulta non solo gradevole da un punto di vista percettivo, ma assolve importanti funzioni ecologiche e sociali, e costituisce un incremento di massa vegetale, rispetto alla precedente destinazione d’uso.